Commento al libro L'anno della lepre di Arto Paasilinna

Foto copertina libro Paasilinna
Ecco un articolo con un breve commento su un libro che ho trovato di facile lettura e piuttosto leggero.

Se cerchi qualcosa che ti faccia ridere in modo elegante e sottile, una scrittura che lavori con l'assurdità di alcune situazioni, che sia un inno alla libertà in chiave umoristica, 'L'anno della lepre' potrebbe fare al caso tuo.

Un giornalista e un fotografo, cinici e insoddisfatti delle loro vite, mentre sono in viaggio per lavoro investono una lepre. Il protagonista Vatanen, il giornalista, scende e vede che l'animale è ferito. Senza pensarci troppo decide di accudire la lepre ed entrare con lei nel bosco, senza però voltarsi più indietro.

A quanto pare è un libro cult nei paesi nordici e quindi pensavo di essere strana io. Ne avevo parlato nelle storie su Instagram: inizialmente non riuscivo a farmi un'idea. Andando avanti nella lettura però, mentre la figura del protagonista si delineava meglio, sono riuscita ad incontrare quell'amore puro e incondizionato per un libro che cerco sempre nelle letture.

La storia è costellata di atti di ribellione, ogni capitolo è un piccolo episodio, dalle sorti perennemente e ineluttabilmente comiche.
Dialoghi asciuttissimi che accentuano la vena ironica e la critica all'opprimente realtà del sud della Finlandia e delle sue grandi città.
Come soluzione: la fuga.
Non un'estraniazione, ma l'entrata in un mondo diverso, nella natura del nord del paese, che non avviene però senza qualche assurda conseguenza.

Conosci Paasilinna? Hai qualche altro titolo finlandese da consigliarmi?

Puoi seguirmi anche sull'account Instagram @papergirl.ninja e non perderai nessun articolo dedicato ai libri.

Scritta della firma Chiara
Commenta l'articolo
This site is protected by reCAPTCHA and the Google
Privacy Policy and Terms of Service apply.

I più popolari su Instagram

Cosa sto leggendo

La malinconia del mammut
di Massimo Sandal
Copertina libro

Approfondisci